I sindacati lombardi per una salute territoriale

Interessante comunicato stampa dei sindacati dei pensionali lombardi, dopo l’audizione presso Regione Lombardia. Non si parla espressamente di Casa della Salute ma i contenuti sono gli stessi. Forse è il caso di riprendere questo argomento in vista del progetto sul Palazzo Sanità:la nostra Casa della Salute territoriale. Leggere e riflettere!

Milano, 30 settembre 2020 COMUNICATO AUDIZIONE SPI – FNP – UILP DAVANTI AL GRUPPO DEI SAGGI SULLA REVISIONE DELLA L.23 / 2015

Il 28 settembre 2020 i sindacati dei pensionati lombardi sono stati convocati in audizione presso Regione Lombardia davanti al “Gruppo dei Saggi”, presieduto dal Dott. Cajazzo, sulla valutazione della l.23/2015 (legge di riforma del Servizio Sanitario Regionale). È risaputo che il percorso che ha preceduto l’emanazione della legge, ha avuto diversi momenti di coinvolgimento del sindacato dei pensionati, insieme alle Confederazioni e ai sindacati della Funzione Pubblica, sfociati in importanti accordi, in particolare quello del settembre 2014 nel quale si sancivano alcuni punti importanti che avrebbero dovuto costituire l’ossatura portante del Sistema Sanitario Regionale e che sono tutt’ora di grande attualità. Durante l’audizione abbiamo evidenziato le criticità che riguardano principalmente i bisogni assistenziali della popolazione anziana e abbiamo chiesto espressamente di mettere al centro del Sistema sanitario il paziente e la sua presa in carico, passando dalle enunciazioni alle azioni concrete.

In particolare abbiamo sottolineato i seguenti aspetti:

– Necessità di realizzare una rete territoriale per le cure primarie partendo innanzitutto dalla creazione di un Polo Territoriale, distinto dal Polo ospedaliero, dotato di una governance separata e con autonomia di budget di spesa

– Nel territorio è necessario individuare dei luoghi fisici in cui devono trovare sede, tra le altre cose, la medicina preventiva, l’igiene pubblica e la presa in carico dei pazienti cronici (che per l’85% sono anziani). Al riguardo è per noi necessario un rapporto più stretto tra Medici di medicina generale e specialisti ambulatoriali, al fine anche di garantire la continuità assistenziale ospedale / territorio.

– L’integrazione sanitaria e socio-sanitaria, che rappresentava uno dei capisaldi della riforma (da attuare anche attraverso l’istituzione di un unico Assessorato Welfare in alternativa agli allora due assessorati ora addirittura diventati tre) non si è sostanzialmente realizzata. Abbiamo sottolineato l’assoluta necessità di procedere destinando le necessarie risorse e coinvolgendo maggiormente i Comuni e le istituzioni.

– Non autosufficienza: abbiamo sollecitato la necessità di aprire con Regione Lombardia un tavolo sulla non autosufficienza che porti ad una offerta di servizi in grado di dare risposta ai diversi bisogni dellepersone anziane, rafforzando l’ADI (Assistenza Domiciliare), ma anche creando una città “a misura di anziano” attraverso un diverso approccio delle politiche abitative e della mobilità. Sulle RSA in particolare abbiamo sollevato il tema dell’adeguamento delle rette, della revisione dei minutaggi di assistenza sanitaria e dei criteri di accreditamento degli enti gestori che garantiscano maggiore trasparenza e possibilità di controllo.

– Rapporto pubblico / privato: è necessario passare dall’attuale regime di concorrenza a quello della sussidiarietà, con controllo e indirizzo dell’offerta sanitaria da parte della Regione.

– Infine abbiamo sostenuto la necessità di ripristinare il servizio di “medicina scolastica” in piena integrazione con i servizi territoriali, anche su base locale che comprenda più istituti scolastici dello stesso territorio, per diventare un valido concreto raccordo tra sanità, famiglie, studenti, giovani e l’intera comunità.

Nell’occasione è stato nuovamente sollevato il tema delle liste d’attesa, sulla cui gestione bisogna intervenire con urgenza per consentire un tempestivo accesso a diagnostica e terapia da parte dei pazienti, tra i quali le persone anziane e fragili subiscono le maggiori criticità. “

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...