Inizia la raccolta firme per la lista ‘SINISTRA per Paderno Dugnano’

Con il week-end inizia la raccolta delle firme per la presentazione delle liste  alle prossime elezioni del 26 maggio 2016.

SINISTRA per Paderno Dugnano sarà presente:

Sabato 13 Aprile –  PIAZZA MATTEOTTI – ore 9.30 – 12.30

Domenica 14 Aprile – Via San Michele del Carso, presso scuola Mazzini  – ore 9.00 – 17.00 – in occasione del Trofeo della Resistenza di JUDO organizzato dall’ ANPI

Raccolta firme

BASTA morti sul lavoro !

Dal post pubblicato su Facebook dal Segretario della Fiom Cgil Brianza, Pietro Occhiuto il 10 Aprile 2019:

“Stamattina si è consumata l’ennesima tragedia sul lavoro nel territorio della Provincia di Monza Brianza: a perdere la vita, schiacciato da un rullo, presso l’azienda Silfa Metal Packaging di Sulbiate un giovane lavoratore di soli 25 anni assunto da pochi mesi… Non è possibile assistere al continuo succedersi di incidenti mortali sui luoghi di lavoro senza che si faccia qualcosa di concreto, da subito, per intervenire a bloccare questa strage.

Dobbiamo pretendere che il tema della sicurezza nei luoghi di lavoro sia il tema prioritario da affrontare con urgenza a tutti i livelli con il coinvolgimento di tutte le Istituzioni e le Organizzazioni sindacali, altro che tagliare i fondi dell’Inail destinati a finanziare progetti di investimento e formazione in salute e sicurezza per il prossimo biennio come ha fatto questo Governo !!!”

morti sul lavoro.

Il “Governo del cambiamento” a trazione leghista, del tema della “sicurezza sul lavoro”, non si preoccupa.

Non vi è alcuna traccia nel “Decreto sicurezza” focalizzato in realtà a rendere più “insicura” la condizione dei migranti e nemmeno nel “Decreto di legittima difesa” che si occupa delle 16 vittime per furti e rapine (dato 2017), dimenticandosi dei 1.133 morti sul lavoro nel 2018 (104 morti in più rispetto al 2017).

I lavoratori devono essere tutelati !

Basta essere costretti a lavorare con procedure imprecise, con attrezzature inadeguate, con contratti a termine così brevi da essere più brevi del tempo necessario per la formazione sulla sicurezza per se stesso e per i colleghi di lavoro.

“Sinistra per Paderno Dugnano” sostiene le iniziative delle Organizzazioni Sindacali a partire dal presidio del 17 aprile davanti al Palazzo della Regione Lombardia.

Cgil, Cisl e Uil, alla Regione Lombardia presenteranno proposte: dal rafforzamento del piano straordinario controlli 2018, all’aggiornamento di quello sull’amianto, fino a un piano straordinario per il potenziamento della prevenzione e della tutela della salute sul lavoro.

 

Il paesaggio e la sicurezza

Ecco il “paesaggio” del Seveso per i visitatori della Fiera di Primavera:

Acque seveso

Acqua bluastra e pesci morti tra il ponte sul Seveso di via Capellini a Incirano e Cusano Milanino a causa dell’inquinamento delle acque del fiume.

Nel frattempo la Regione Lombardia, governata da anni dalla Lega, scalpita per iniziare la realizzazione delle vasche di laminazione del Seveso a Bresso, Senago e poi a Paderno.

Come ben sanno i cittadini di questi Comuni e come dimostrato ancora una volta con la moria dei pesci di Primavera, le acque del Seveso sono molto inquinate.

Potete immaginare i costi di bonifica delle vasche di laminazione che dovremo pagare ogni volta che le precipitazioni richiederanno l’utilizzo di questi invasi per evitare l’allagamento di Niguarda?

Non è più economico pulire le acque del Seveso per poterle poi farle confluire nel Ticino grazie al raddoppio del canale scolmatore?

L’inquinamento impatta sulla salute dei cittadini, sulla loro “sicurezza” nell’abitare un territorio;

Ma la Lega sembra in altre “faccende affaccendata” …

“Sinistra per Paderno Dugnano”

sostiene la proposta degli “Amici del Parco Nord”, alternativa al “Piano vasche” della Regione e precisamente:

  • Pulire il fiume Seveso.
  • Completare il raddoppio del canale scolmatore di NordOvest.
  • Costruire subito la Vasca di laminazione di Lentate sul Seveso (perché a monte le acque del fiume sono meno compromesse che a valle) riducendo la portata durante le piene tramite lo stoccaggio temporaneo di parte del volume dell’onda di piena.
  • Realizzare le Aree Golenali di Cermenate e del Canturino. Cioè creare aree piane libere tra il Seveso e il suo argine, per diluire la piena e ridurre il rischio idrogeologico.
  • Partire subito con le Opere di invarianza idraulica. (come fatto da :Bresso- Cormano- Cinisello e Cusano). Cioè fare in modo che le trasformazioni dell’uso del suolo vengano fatte in modo da non comportare un aumento delle portate di deflusso meteorico scaricate dalle aree urbanizzate nei recettori a valle, rispetto a quelle preesistenti all’urbanizzazione

L’AMBIENTE è un valore

L’Istituto Superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale dice che Paderno Dugnano ha il 61% del suolo occupato. Non si può continuare così.

Palazzi

Come ‘Sinistra per Paderno Dugnano’

Vogliamo una città a dimensione umana e non una città dormitorio.

Vogliamo una città con più aree libere, con parchi più grandi e piste ciclabili connesse tra di loro. Con meno traffico e aria e acqua più pulita.

Vogliamo che i parchi comunali siano curati meglio e quelli sovracomunali siano collegati in una grande cintura verde di tutto il Nord Milano.

IMG-20190321-WA0006

Vogliamo riprendere l’obiettivo del Parco del Seveso.

Per fare questo bisogna cambiare il Piano di Governo del Territorio del 2013 perché ha aumentato a dismisura il consumo di suolo.

Il centro destra di Alparone – Bogani ha sbagliato: non si può continuare a ridurre le aree libere.

Vogliamo salvare il Parco di via Gorizia per salvare tutti i parchi di Paderno Dugnano.

20171126_102802

In una città più verde è più bella, le sue case hanno più valore ed è più attraente per giovani e imprese. Paderno può diventare un polo di qualità nell’area metropolitana milanese.

Il verde rimasto va protetto, difeso e incrementato, non distrutto dal cemento.

Consumo di suolo zero non è solo uno slogan, ma un vero obiettivo da raggiungere.

Per la nostra salute e quella delle generazioni future

La citta che vogliamo